Poste Italiane: benvenute su Apple Pay, con un ritardo di 4 anni

Poste Italiane ha annunciato oggi la compatibilità con Apple Pay per tutte le sue carte di pagamento. Con calma.

Alla fine Poste Italiane, dopo anni di attesa, ha rilasciato la compatibilità ad Apple Pay per le sue carte di pagamento. Da oggi gli utenti PostePay e BancoPosta potranno associare la loro carta direttamente al Wallet di Apple per pagare quindi tramite smartphone, smartwatch, tablet o Mac.

Sembra una barzelletta, invece è così. Non è il 1 Aprile come in molti hanno scritto sui social, è pura verità. La notizia di per sé non è commentabile se non per le tempistiche. Sono passati ormai parecchi anni, era il 2017, da quando UniCredit per prima arrivò con la compatibilità per le sue carte prepagate ed i suoi conti. Poste Italiane, dopo una prima e rapida compatibilità con Google Pay, ci ha impiegato giusto un paio di anni in più.

La cosa divertente però è notare come gli utenti abbiano accolto la notizia stessa come una manna dal cielo. PostePay in assoluto è ancora oggi uno strumento che in tanti, tantissimi utenti utilizzano. Non è più il riferimento del settore con le migliori aziende FinTech che hanno da tempo superato Poste Italiane. Tuttavia il radicamento e l’utilizzo in tutta la nostra penisola l’hanno resa una notizia da prima pagina praticamente.

Cercate alternative, non scherziamo. Fatevi furbi.

Come associare la carta PostePay o BancoPosta ad Apple Pay su iPhone:

  • Aprire l’applicazione Wallet;
  • Premere il pulsante +;
  • Inserire i dati della carta: le 16 cifre, la scadenza ed il CVV;
  • Convalidare la richiesta di associazione.

Ricordate sempre #DOMORE & #VIVALAVIDA.


Perché non ci sono i commenti? Semplice, se vuoi scrivermi qualcosa in merito a questo articolo contattami su Telegram o Twitter.


Iscriviti alla mia newsletter settimanale gratuita, serve solo la tua email

by Claudio Stoduto