La Magic Keyboard non mi convince fino in fondo

Sono passati ormai alcuni giorni dalla prime recensioni della nuova Magic Keyboard per iPad Pro ed i miei dubbi sono stati ampiamente confermati.

Durante la presentazione dei nuovi iPad Pro 2020 praticamente tutti noi appassionati siamo stati catturati dalla nuova Magic Keyboard. Bella, tecnologica, evoluta e costosa. Con il passare dei giorni però emergevano sempre di più parecchi dubbi in merito che sarebbe stati spazzati solo con le prime recensioni.

Ad oggi posso dire che confermo la mia opinione iniziale sul prodotto.

La nuova Magic Keyboard per iPad Pro è sicuramente un accessorio interessante e che ti permette di avere un vero e proprio dispositivo completo. La soluzione punta a far diventare l’iPad Pro un prodotto All-in-one con mouse, retroilluminazione ed una doppia porta USB-C incredibilmente comoda in ogni frangente.

Analizzando però alcuni frangenti particolari, abbiamo visto come non permetta una completa inclinazione dello schermo. Dai vari test effettuati si può sì andare ad aprire ed inclinare l’iPad a piacimento ma con un angolo di inclinazione vicino ai 110120 gradi. Non c’è una differenza così marcata rispetto alla Folio Keyboard che, ricordiamo, offre due diverse inclinazioni: una più verticale ed una inclina con un angolo analogo appunto a quello (massimo) della Magic Keyboard. Rimane ancora una volta più interessante, almeno ad oggi, la soluzione dei Surface di Microsoft a mio avviso.

Si più ripiegare all’indietro? No. Per cui per tutti coloro che vogliono acquistare questo prodotto ed avere non soltanto un notebook ma anche un tablet, beh dovrete abbandonare il vostro sogno. Insomma quella peculiarità della Folio Keyboard non è stata concepita in questa Magic Keyboard diversificando le due strade e non andando a cannibalizzare i due prodotti.

Niente da dire per il resto. Il feedback che viene restituito in fase di scrittura sembra il medesimo dei nuovi MacBook Air e MacBook Pro 16” per cui potremmo scongiurare ogni possibile malfunzionamento nel futuro, almeno prossimo. Mancano però dei tasti funzione, ancora una volta. Banalmente o create uno Shortcut per gestire la retroilluminazione della stessa tastiera, oppure dovrete andare in un menù veramente nascosto all’interno dell’applicazione Impostazioni. Visto che tanto il tablet rimane nella fantastica posizione fluttuante, perché Apple non ha inserito una linea di tasti dedicati al volume, al blocco dello schermo ecc ecc?

Vi riporto quella che, secondo me, è per il momento una soluzione più che interessante. Logitech ha ancora una volta sfornato il prodotto quasi perfetto. La nuova **Combo Touch per iPad da 10,5” è il miglior compromesso. La cosa interessante riguarda la possibilità di staccare il case del tablet dalla tastiera stessa. Ergo avremo praticamente la possibilità di avere lo stesso concetto di un Surface di Microsoft. Ok, ma senza cover non ho il kickstand? Certo, ma qui entra in gioco un secondo accessorio “geniale” di Spigen. Prendendone due, si applicano alla base dell’iPad in posizione orizzontale ovviamente ed in questo modo potremmo andare a scegliere noi l’inclinazione che vogliamo. Risparmiamo anche il peso del case che non abbiamo inserito ed infine abbiamo un tablet molto sottile ed utilizzabile anche in questo suo formato. Purtroppo sui nuovi iPad Pro tutto questo non è riproducibile visto che lo Smart Connector, purtroppo, è posizionato nella parte posteriore della back cover.

Vi lascio ad un video:

In conclusione nei prossimi mesi vedrò se andare a provare la nuova Magic Keyboard, ma per il momento rimango contento dei limiti e dei difetti della mia Folio Keyboard. Chi vuole quasi tutto prenda la Magic Keyboard. Chi vuole quasi tutto prenda la Folio Keyboard. No, non sono pazzo e so che ho scritto la medesima cosa. Sembra quasi che per avere la migliore esperienza possibile a 360 gradi, si sia “costretti” ad avere entrambi i prodotti (oltre 600 euro di spesa per il modello da 12,9”).